« Torna agli articoli

FINALI UNDER 14 : LA TORRE – SBT : 59 – 53

 

Partita in bilico per 40 minuti, ma alla fine la forza fisica e tecnica della Torre è venuta a galla. C’è tanto rammarico per la SBT, ma anche la consapevolezza che un briciolo di fortuna e di aggressività in più la partita si sarebbe conclusa diversamete. Il divario tra le due squadre non è poi cosi grande come tutti pensavano all’inizio dell’anno; questo grazie a un ottimo anno di allenamenti, impegno e ore in palestra. Solo 6 punti ha diviso la squadra trevigliese alla finalissima di domani ad Albino. Obbiettevo adesso è di conquistare il terzo posto per poter salire così sul tanto meritato e desiderato podio.

Da allenatore della squadra targata sbt under 14, posso dire solo GRAZIE a tutti e 14 i ragazzi che quest’anno sono venuti in palestra, hanno faticato, sofferto e lottato per essere a queste finali, ed arrivare tra le prime quattro è un bellissimo traguardo e un ottima soddisfazione per Treviglio, dirigenti, staff, giocatori e genitori. C’è molto dispiacere e rammarico per questo risultato, ma ad ogni sconfitta bisogna rialzare subito la testa e guardare avanti. Io credo molto in questi ragazzi, e per loro ho dato l’anima in tutti questi mesi, cercando giorno dopo giorno di farli crescere sia come atleti, come gruppo che come ragazzi e sono davvero soffisfatto per gli enormi progressi che ogni singolo giocatore ha fatto…. CI CREDO E CREDERO’ SEMPRE IN LORO!

Luca Gualandris

+Copia link
  • 14 maggio 2011 alle 9:31 pm - Mauro Ghisoni.

    La realtà della SBT, dei suoi giocatori,allenatori e dei grandi genitori, è che prima di una vittoria si cerca la crescita atletica e sportiva dei ragazzi, per quanto riguarda i genitori la loro correttezza e il loro tifo quasi sempre ponderato ,siamo veramente orgogliosi di questi risultati ,per noi in primis e la crescita e il bel gioco dei ragazzi, domani è un altro giorno e si vedrà…..
    La SBT e il suo Staff sono strafelici dei questi risultati..
    BRAVISSIMI AI RAGAZZI E AI LORO COACH , LUCA GUALANDRIS E ANDREA NISSOLI